HOME   |   MAPPA   |   DOWNLOAD   |   PRESS   |   CONTATTI   |   ENGLISH INFORMATION                      NEWS   FEED     

    Ricerca, Cura e Assistenza

  Fondazione Italiana Parkinson

   

CHI SIAMO

RICERCA

PROGETTI

SERVIZI

FUNDING

EVENTI

 

AREA RISERVATA   |   Utente    Password   

    

 

Comunicato

“CELLULE STAMINALI E PARKINSON”

 

 

Sulla base delle attuali conoscenze è evidente che il trapianto di cellule staminali non rappresenta una pratica terapeutica utilizzabile in tempi prevedibili nelle persone affette da malattia di Parkinson. Al momento rimane una problematica confinata soltanto ad aspetti di ricerca scientifica.

Le cellule staminali si caratterizzano per tre peculiarità: non sono differenziate, possono dividersi senza limite e ciascuna cellula figlia può diventare anche essa cellula staminale o imboccare la via del differenziamento terminale.


L’utilizzo delle cellule staminali embrionali sarebbe teoricamente la scelta ideale, data la loro completa totipotenza, per la cura di malattie neurologiche come la Malattia di Parkinson. Ciò perché a tutt’oggi per molte di queste patologie la terapia è ancora solo sintomatica e non del tutto soddisfacente. L’utilizzo delle cellule staminali potrebbe prevedere il rimpiazzo delle cellule nervose perse (nel caso della Malattia di Parkinson si ha una degenerazione dei neuroni della via dopaminergica nigrostriatale).
 

Varie sono le possibili fonti di cellule staminali utilizzabili nella malattia di Parkinson: cellule staminali embrionali, cellule staminali neurali adulte o fetali, cellule staminali autologhe (derivanti dal midollo osseo o da altri tessuti dei pazienti stessi), cellule staminali derivanti dal cordone ombelicale.


Indipendentemente dalla fonte di cellule staminali vi sono alcuni problemi da affrontare, che limitano ancora largamente il possibile utilizzo della terapia ‘cellulare’ nel Parkinson.

 

In primo luogo vi è la questione dell’attecchimento delle cellule staminali: il numero di cellule che sopravvive al trapianto e si differenzia in neuroni dopaminergici è ancora molto limitato negli studi animali, nonostante l’utilizzo di volta in volta di antiossidanti, fattori trofici ed antiapoptotici.
Un altro limite sono gli effetti collaterali. Tra questi vanno annoverati la oncogenesi, finora confermata per le cellule embrionali e gli effetti della terapia immunosoppressiva in caso di trapianto con cellule eterologhe. Tra l’altro dovrebbe essere scongiurata l’insorgenza di complicanze motorie (discinesie di fase off), associate all’utilizzo delle cellule nigrostriatali fetali.
Se quanto finora esposto rappresenta oggi lo “stato dell’arte“, con una quota di incertezze superiore alle certezze, risulta assolutamente non–etico, in quanto non suffragato da adeguate evidenze, promuovere nella pratica clinica l’impiego delle cellule staminali per la malattia di Parkinson.

Le procedure sperimentali peraltro nel nostro Paese sono sottoposte a trasparenti meccanismi di controllo e puntuali verifiche di efficacia, a tutela del paziente e dello sperimentatore e sono regolate da precise norme di legge che vanno conosciute e rispettate.

 

Fondazione Italiana Parkinson


Comitato scientifico: Giovanni Abbruzzese, Alberto Albanese, Giuseppe Meco, Stefano Ruggieri, Mario Zappia.

Commissione etica: Vittorio Crespi, Salvino Leone, Carlo Pasetti.
 

 

 

Articoli di approfondimento:

 

A.Albanese1, Possibilità di intervenire con protesi biologiche nella terapia della malattia di Parkinson, Atti 1° Congresso Fondazione Italiana Parkinson, 52-66

G.Meco2, A.Rubino3, C.Purcaro4, Le cellule staminali: quale futuro nella terapia della malattia del Parkinson?, Atti 1° Congresso Fondazione Italiana Parkinson, 67-88
 

1) Istituto Nazionale Neurologico Carlo Besta, Milano

2) Centro Parkinson

3) DAI di Neurologia e Psichiatria Policlinico Universitario 'Umberto I'

4) Università di Roma La Sapienza

 

 

 

Partecipa alla raccolta fondi per il progetto "Insieme contro il Parkinson"

 

Da oggi puoi dare il tuo contributo alla Fondazione Italiana Parkinson con un semplice bonifico oppure in pochi click usando la tua carta di credito, attraverso i servizi online di IW Bank e Pay Pal

 

SCOPRI I DETTAGLI » 

 

 

 

NEWS from the world 

   

 

Governance della Fondazione

 

Consiglio di Amministrazione


Presidente
Dott.ssa Marina Rizzo

- Responsabile Ambulatorio dei Disturbi del Movimento dell’A.O. Ospedali riuniti “Villa Sofia Cervello”
- Coordinatrice Scientifica dell’Associazione “Azione Parkinson in Sicilia” – APiS


Vice-Presidente

Dott. Domenico Manigrasso
Presidente dell’Associazione Parkinson di Trento

 

Segretario

Arch. Nadia Barbieri
Presidente dell’Associazione Parkinson di Grosseto



Comitato scientifico

Prof. Giovanni Abbruzzese
- Professore Ordinario di Neurologia della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi di Genova
- Vicedirettore del Dipartimento di Neuroscienze, Oftalmologia e Genetica (DINOG)
- Presidente eletto della LIMPE (Lega Italiana contro la Malattia di Parkinson e le Sindromi Extrapiramidali)

 

Prof. Alberto Albanese

- Direttore dell’UO Neurologia I presso la Fondazione IRCCS Istituto Neurologico “Carlo Besta” a Milano
-

Professore straordinario di Neurologia presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano

- Direttore del Corso Master universitario di secondo livello “Diagnosi e terapia dei disturbi del movimento e delle malattie neurologiche degenerative” presso la Fondazione IRCCS Istituto Neurologico "C. Besta"

 

Prof. Giuseppe Meco

- Prof. Aggregato di Neurologia, Facoltà di Medicina ed Odontoiatria, "Sapienza" Università di Roma
- Direttore Centro Parkinson, Policlinico Universitario Umberto I, "Sapienza" Università di Roma
- Presidente Corso di Laurea di Fisioterapia "Sapienza" Università di Roma (sede Ariccia- ASL RMH)

 

Prof. Stefano Ruggieri
- Responsabile del Dipartimento di Neurologia dell’IRCCS “Istituto Mediterraneo di Neuroscienze Neuromed” di Pozzilli (Is)
- Professore Ordinario di Neurologia presso l’ Università “La Sapienza” Roma

 

Prof. Mario Zappia

- Professore Ordinario di Neurologia, Università di Catania
- Direttore della Scuola di Specializzazione di Neurologia
- Direttore U.O.C. Clinica Neurologica A.O.U. "Policlinico - Vittorio Emanuele", Catania

 

 

Commissione Etica

Dott. Vittorio Crespi

- Direttore Unità Operativa di Neurologia, Ospedale Civile di Vimercate
- Presidente Comitato Etico A.O. San Gerardo, Monza


Dott. Carlo Pasetti

- Presidente del Comitato Etico della Fondazione Salvatore Maugeri, IRCCS di Pavia
- Già Primario della U.O. di Neurologia dell'lstituto Scientifico di Riabilitazione di Veruno (No) presso la Fondazione Salvatore Maugeri


Dott. Salvino Leone

- Presidente Istituto di Studi Bioetici “Salvatore Privitera”
- Direttore rivista “Bio-ethos”
- Presidente del Comitato Etico dell’- ISMETT (Istituto Mediterraneo per i Trapianti) e dell’ IRCCS Oasi Maria SS. (Troina)

 

 




 

 
 
   

 

 

 

 

 
 
 
 
 

 

 

 

 
 
 
 
 

 

 
 
 
 
 
 
 
 

 

GO TO Fondazione Italiana Parkinson

Copyright © Fondazione Italiana Parkinson. Tutti i diritti riservati.

Chi siamo   |   Ricerca   |   Progetti   |   Servizi   |   Funding   |   Eventi   |   Contatti

Sede legale: via XX Settembre 11, 90141 Palermo - Italia

Codice Fiscale / Partita IVA 97208240826

   

Rilevazione audience by

Iscriviti alla mailing list della Fondazione Italiana Parkinson

 

e-Mail: